Associazione - Amici Del Castagno

L'associazione “Amici del Castagno” è stata fondata il 26 giugno 2002 ed ha sede presso la Parrocchia della Sacra Famiglia in Firenze.

Le motivazioni della sua costituzione vengono da lontano. Sin dai tempi dell'acquisizione della casa del Castagno da parte dell'Ispettoria Salesiana all'inizio degli anni Sessanta, prima con la parrocchia di Borgo San Lorenzo, quindi con quella di Firenze, la residenza ha visto passare migliaia di ragazzi impegnati nelle diverse attività, ma soprattutto capaci di vivere nella natura il carisma di don Bosco. Alla fine degli anni '80, lo sviluppo della normativa relativa all'accoglienza di comunità e alla sicurezza degli ambienti ha reso necessaria una profonda ristrutturazione della casa, che ha portato alla sua chiusura nel 1992, per la messa a norma e l'apertura del cantiere. Nello stesso anno, viste le difficoltà, un comitato spontaneo di laici che aveva iniziato la sua attività a favore della rinascita del Castagno fin dal 1990, dovette sospendere la sua attività, fintanto che i lavori non avessero portato la struttura al rispetto della normativa vigente.

Dopo varie vicissitudini tecniche e problemi economici, nel marzo 2002 dall'Ispettoria è giunta a Firenze l'ipotesi della vendita dell'immobile con i terreni circostanti, viste le problematiche finanziarie e l'inefficienza dei progetti fino allora eseguiti. Tale ipotesi, ufficialmente non paventata fino ad allora, ha improvvisamente determinato notevoli preoccupazioni nell'oratorio e nella parrocchia della Sacra Famiglia, suscitando un movimento spontaneo di laici che hanno conosciuto il Castagno da più giovani e che, apprezzandone il valore non solo economico, hanno volontariamente offerto le proprie competenze ed il proprio entusiasmo per riportare la casa ai precedenti splendori.

Preso contatto con la realtà tecnica ed economica della questione e valutate inizialmente le possibilità future del Castagno, il 26 giugno 2002 in Firenze, i volontari hanno voluto costituirsi in associazione, denominata “Amici del Castagno”.

L'associazione ha iniziato a svolgere la propria attività:

•  Progettando e concretizzando un piano tecnico-economico di recupero degli ambienti interni ed esterni della Casa

•  Ottenendo contributi, fondi e donazioni da persone fisiche, associazioni ed Enti

•  Valorizzando le potenzialità produttive future della Casa

•  Gestendo le modalità di accoglienza e di promozione

•  Sviluppando il volontariato

L'11 giugno 2005 ha inaugurato Casa don Bosco.

Attualmente l'associazione conta circa 130 soci, impegnati a vario titolo e grado. Lo statuto rispecchia la natura salesiana.

Il Consiglio di Presidenza è costituito dai seguenti membri, eletti dai soci ed in carica fino al novembre 2011:

Sig. Giovanni Sodini, presidente

Sig. Paolo Bracaccini, responsabile delle attività tecniche e di manutenzione

Sig.ra Maria Luisa Gaeta Socini, responsabile delle attività amministrative

Sig. John Luke Hili, responsabile delle relazioni esterne

Sig.ra Rita Migliorini, responsabile delle attività di accoglienza e del volontariato

Il Collegio dei Revisori dei Conti è costituito da:

Sig.ra Miranda Giorgi Bambagioni, presidente

Sig. Alessandro Cecchini, consigliere

Sig. Castoldi Leonardo, consigliere

Tutti i soci si impegnano per raggiungere le finalità dell'Associazione, secondo il carisma di don Bosco, in quanto da ragazzi hanno apprezzato il valore della salesianità attraverso vacanze, campi, gite alla Casa del Castagno, a cui devono molto. Al Castagno, tutti hanno avuto modo di costruire e rafforzare amicizie, saldare legami interpersonali di solidarietà in nome di Cristo e di don Bosco. Alcuni hanno lì seminato i presupposti per la loro unione matrimoniale e desiderano che i loro figli possano un giorno usufruire delle stesse incommensurabili opportunità.